I legali rappresentanti del paziente minore che necessita di prestazioni erogate dalla radiologia pediatrica devono avere previamente espresso il consenso al trattamento dei dati personali e sensibili del minore (consenso Ge.Co.) con indicazione dei soggetti autorizzati a ricevere informazioni sul suo stato di salute.

Primi accessi ambulatoriali alla radiologia pediatrica

Prestazioni senza mezzo di contrasto

N.B.: Al primo accesso per accertamento diagnostico per immagini, senza mezzo di contrasto, è obbligatoria la presenza di almeno un genitore (o del legale rappresentante) per tutti i pazienti minori, salvo nei casi di urgenza.
Si leggano le eccezioni e le deroghe a tali assunti.

Il/I genitore/i o il legale rappresentante sono tenuti a:

  1. autocertificare per iscritto la propria responsabilità genitoriale (validità salvo revoca) in caso di presenza della sola madre o del legale rappresentante modulo per dichiarazione sostitutiva atto notorietà
  2. autorizzare per iscritto eventuali adulti "delegati" all'accompagnamento del minore agli accessi successivi (validità salvo revoca) modulo delega ad altro adulto accompagnatore
  3. autorizzare per iscritto l'accesso autonomo del minore di età compresa tra i 16 anni compiuti ed i 18 alle prestazioni alle prestazioni radiologiche per diagnosi toraco-scheletrica (validità salvo revoca). modulo per dichiarazione sostitutiva atto notorietà

 

Prestazioni con mezzo di contrasto

Al primo accesso per accertamento diagnostico per immagini, con mezzo di contrasto, o per risonanze magnetiche, o per TAC (tomografia computerizzata) è obbligatoria la presenza di entrambi i genitori o del legale rappresentante, per tutti i pazienti minori, salvo nei casi di urgenza, essendo necessario un consenso specifico.

L'eventuale assenza dell'altro genitore per effettivo impedimento, deve essere autocertificata per iscritto dal genitore presente Dichiarazione sostitutiva genitore per il secondo genitore, che si assume la responsabilità per il consenso alle prestazioni da parte del genitore assente. In tal caso, inoltre, non sono ammesse deleghe per l'accompagnamento del minore alle visite di controllo successive.
Si leggano le eccezioni e le deroghe a tali assunti.

Il/I genitore/i o il legale rappresentante sono tenuti a:

  1. autocertificare per iscritto la propria potestà genitoriale (validità salvo revoca, modulo per dichiarazione sostitutiva atto notorietà) in caso di presenza della sola madre o del legale rappresentante Dichiarazione sostitutiva genitore per il secondo genitore
  2. conferire per iscritto il proprio consenso specifico nel caso di prestazione radiologica con mezzo di contrasto o di risonanza magnetica o di TAC (validità contestuale salvo revoca) (vedi sezione Radiologia pediatrica e relative informative e consensi)
  3. autorizzare per iscritto eventuali adulti "delegati" all'accompagnamento del minore agli accessi successivi (validità salvo revoca) per le sole prestazioni radiologiche concesse (senza mezzo di contrasto e senza la necessità di consenso specifico) modulo per dichiarazione sostitutiva atto notorietà
  4. autorizzare per iscritto l'accesso autonomo del minore di età compresa tra i 16 anni compiuti ed i 18 anni alle prestazioni radiologiche per diagnosi toraco-scheletrica (validità salvo revoca) modulo per dichiarazione sostitutiva atto notorietà

 

Secondi accessi e successivi alla radiologia pediatrica

Prestazioni senza mezzo di contrasto

N.B.: Agli accessi successivi al primo accesso, per accertamento diagnostico per immagine senza mezzo di contrasto, è richiesta la presenza di un adulto autorizzato per tutti i pazienti minori.

Tale adulto può essere:

  • il genitore stesso o il legale rappresentante
  • un "delegato" autorizzato modulo delega ad altro adulto accompagnatore, così come indicato la prima volta dall'esercente la potestà genitoriale o dal legale rappresentante, in possesso della documentazione richiesta (modulo 0366), compilata, firmata e completata con i documenti di identificazione del delegato e del delegante.

 

Prestazioni con mezzo di contrasto

N.B.: Agli accessi successivi al primo accesso, per accertamento diagnostico per immagini, con mezzo di contrasto, o per risonanze magnetiche, o per TAC (tomografia computerizzata)  è obbligatoria la presenza di entrambi i genitori o del legale rappresentante, per tutti i pazienti minori, salvo nei casi di urgenza. Per tale tipo di prestazioni non sono ammessi adulti accompagnatori diversi dai genitori o dal legale rappresentante. L'eventuale assenza dell'altro genitore per effettivo impedimento, deve essere autocertificata per iscritto dal genitore presente Dichiarazione sostitutiva genitore per il secondo genitore, che si assume la responsabilità per il consenso alle prestazioni da parte del genitore assente.
In deroga a quanto espresso, vigono le stesse deroghe indicate per i primi accessi.

(vedi la sezione Radiologia pediatrica per le relative informative e consensi)

 

Deroghe per gli accessi ambulatoriali

In deroga a quanto espresso, la prestazione può essere erogata al minore stesso, anche in assenza di genitore accompagnatore. in linea con quanto attuato sul territorio dai consultori familiari e sulla base della normativa specifica1, per i seguenti casi:

  • Prestazioni per l'accertamento di abuso

In tal caso, se si manifestasse la necessità di procedere ad accertamenti radiologici con mezzo di contrasto, il minore è tenuto a conferire il proprio consenso per iscritto con validità contestuale, rispetto alle prestazioni specifiche, al trattamento dei dati personali e sensibili (se non già espresso) , al trasferimento di informazioni a terze parti (pediatra di libera scelta, medico di medicina generale ecc.). I trattamenti in urgenza non necessitano di consenso.

  • Prestazioni radiologiche per diagnosi toraco-scheletrica a minori di età compresa tra i 16 anni compiuti ed i 18 anni.

 

Note interne alla pagina:


Legge Regionale n. 11/2006 che disciplina gli "interventi regionali a sostegno della famiglia e della genitorialità"

 

Amministrazione Trasparente