13/07/2017
L’Associazione, con un importante contributo di UniCredit Banca, ha donato un macchinario che permette di realizzare medicinali “su misura”
 
Medicinali “personalizzati” e in grande numero, per rispondere alle esigenze dei pazienti pediatrici di tutta la regione: è questo l’obiettivo della nuova incapsulatrice - tecnicamente definita “opercolatrice semiautomatica” - in dotazione al Laboratorio della Farmacia del Burlo Garofolo. Grazie ad Azzurra Malattie Rare Onlus e UniCredit, infatti, l’IRCCS triestino si è arricchito di un’importante apparecchiatura che permette di preparare contemporaneamente fino a 300 capsule di medicinale “su misura” per i pazienti che richiedono una terapia personalizzata.
 
“Grazie a questo strumento la Farmacia del Burlo è in grado di realizzare con più efficienza trattamenti in capsule per pazienti pediatrici che richiedono una terapia personalizzata - ha spiegato il dott. Davide Zanon, responsabile del Laboratorio Galenico della SSD Farmacia del Burlo, diretta dalla dottoressa Anna Arbo - e tra questi ci sono anche diversi bambini con malattie rare. Il Laboratorio, infatti, si occupa dell’allestimento di formulazioni pediatriche che non esistono in commercio e adatte a coloro che necessitano di terapie ad hoc per il singolo caso. Le capsule, nello specifico, permettono di somministrare i farmaci con un dosaggio preciso e di adeguarlo nel tempo ai bisogni dei piccoli pazienti”.
 
Una strumentazione che potenzierà ancora di più il ruolo centrale previsto per il Burlo Garofolo dal Progetto Regionale di Centralizzazione della Galenica Pediatrica: “Questa apparecchiatura - ha commentato il Direttore Generale del Burlo, Gianluigi Scannapieco - consentirà di incrementare notevolmente l’efficienza delle procedure di terapia personalizzata. I farmacisti potranno realizzare in tempi brevi un maggior numero di capsule e coprire un periodo più lungo di terapia con una sola preparazione. Quello dell’efficienza è un fattore cruciale perchè il nostro Laboratorio Galenico prepara medicinali non solo per i pazienti del nostro istituto ma per chiunque ne abbia bisogno in Friuli Venezia Giulia, rispondendo anche a numerose richieste che ci provengono da fuori regione. La competenza del nostro personale ha un ruolo centrale in questo settore per un territorio molto vasto, per questo il ringraziamento ad Azzurra e UniCredit per l’importante donazione è ancor più sentito”.
 
La Farmacia dell'ospedale materno infantile di Trieste risponde alle esigenze terapeutiche di numerosi pazienti sia ospedalizzati sia in dimissione per il proseguimento delle cure. Nel corso dell’ultimo anno sono state realizzate oltre 3100 differenti preparazioni galeniche e i pazienti domiciliari seguiti hanno superato il centinaio.
 
UniCredit, aderendo con convinzione a questa meritoria iniziativa a beneficio del Burlo e dei servizi assistenziali erogati nella città di Trieste, intende così ribadire il proprio supporto concreto al Territorio in cui opera. La donazione attinge ai fondi raccolti dalla Banca per iniziative e progetti di solidarietà sul Territorio tramite la carta di credito “UniCreditCard Classic E”, che accantona il 2 per mille di ogni spesa effettuata dai clienti, senza aggravi per questi ultimi. Tramite i fondi della “Carta Etica” UniCredit negli ultimi 3 anni è riuscita a sostenere 40 progetti di Onlus e Associazioni benefiche sparse in tutto il Territorio Nord Est, erogando contributi per circa 400 mila euro.
 
 
Guarda l'intervista al Direttore Generale, Gianluigi Scannapieco >

 

Guarda l'intervista al dott. Davide Zanon, responsabile del Laboratorio Galenico del Burlo >

 
 
foto 1
 

Amministrazione Trasparente